Difficoltà: 6b (6a obbl)… ma ho trovato una relazione che la dà anche 6a+.. La fate poi me lo dite??!!

Lunghezza: 180 mt (sviluppo), 6 tiri

Il Pilastro Lomasti ad Arnad non lo avevo mai visto. Ci si arriva aggirando il costone della montagna (ci sono una quarantina di minuti di avvicinamento) ed è .. fascino allo stato puro.
Grande, liscio, imponente, un miracolo che la natura ha voluto porre in una posizione spettacolare. La mattinata è in ombra e prende il sole a partire da metà giornata.
Sei tiri uno più bello dell’altro, a parte il primo che è un po’ sporco (ma non è comunque brutto)
L’arrampicata è su gneiss, super lavorato, a tacche e buchetti (sembra quasi calcare), ruvidissimo, con qualche “passo di fiducia”. La fessura del terzo tiro poi è un po’ di forza, ma spettacolare. Sebbene dalle foto sembri una placca un po’ appoggiata, in realtà è a risalti verticali.
La spittatura non è buona, ma eccezionale… da falesia direi. Le soste sono già collegate con catena (tranne una forse…) e con anelli di calata.
Questa volta la cordata era da tre e la via, due tiri a testa, è stata divertente e rilassante.
Riki: 1° e 2° tiro
Io: 3° e 4° tiro
Guido: 5° e 6° tiro
Se poi ci mettiamo anche la merenda valdostana a pomeriggio inoltrato.. la giornata perfetta!
Super – stra – consigliata!!!!
Ta’

Condividi