Via: Attenzione caduta vipere allo Schenun, Val Masino (strada che conduce ai bagni)
Grado: 6a max

 

 

Perché a volte basta un messaggio inviato tramite Facebook a cambiare tutto. Beh, magari proprio tutto tutto no, ma il fine settimana quello sì, cambia, eccome se cambia. Ti ritrovi a vivere un’esperienza assolutamente diversa (e perche no, divertente) e a conoscere persone nuove e probabilmente anche un po’ speciali in un contesto nel quale mai e poi mai avresti pensato. Il luogo in questione è la Val Masino: quella piccola perla di granito che, chi mi conosce lo sa, mi riempie il cuore ed è stata più volte meta dei miei fine settimana di “fuggi fuggi” dalla quotidianità. Perché fuggire, in Valle, è di una facilità che lascia quasi sgomenti: sia che cammini, che scali, o che fai una beatissima m…chia, in Valle ci stai bene comunque. Perché il Mello, in fondo, è sempre più blu!

Questa volta niente prestazioni (e quando mai ne faccio??!!) ma una giornata a “seguire” (la parola non è piazzata a caso) un’uscita del corso roccia dei Ragni di Lecco. Perché la vita è così: tre giorni prima il nome Ragni risuona nella mente come un qualcosa che sta tra l’epico ed il mitologico: nomi unici ed altisonanti che hanno letteralmente costruito, chiodo dopo chiodo, staffa su staffa, la storia dell’alpinismo. Poi un messaggio su Facebook dal Palma che ti chiede con cordialità se vuoi iscriverti al nuovo canale You Tube dei Ragni e promette tanti bei video e tu che dici “E’ il destino! Ciao Fabio, tu non lo sai ma tanto prima o poi ti avrei contattato io, perché sai io scrivo (o ci provo!) e voi, insomma, voi siete i Ragni… non si sa mai che vi capiti di aver bisogno di qualcuno che vi dia una mano a redigere qualche articolo, comunicato stampa, ecc… E già che ci siamo ti “caccio lì” via mail il mio Cv  e … cosa chiama cosa, ti ritrovi a fare da assistente-fotografa e video maker in via. Sarebbe  meglio dire ti ritrovi a fare il mulo che tira la via e fa sicura al fotografo impegnato nelle riprese degli allievi che, passo dopo passo, sulla delicata aderenza dello Schenun, si preoccupano un po’ di fare anche i modelli)… E che modelli, mentre alternano  faccia da panico con sorriso a 32 denti. Perché scalando è impossibile  mentire: le emozioni affiorano e lasciano il segno. Se poi accanto c’è qualcuno in grado di coglierle e di fermare l’attimo in un’istantanea, allora non solo vengono fuori, ma rimangono.
“Ma chi hai ripreso fino ad ora?”… “Dobbiamo andare più piano per le riprese?”… “Ma così mi riprendi solo il fondoschiena” (termine aulico!!… che poi chissà non fosse la parte migliore!) … “Ma mi riprendi sempre nei momenti peggiori”… SCALA SCALA E NON PENSARE A COSA TI RIPRENDE!!!  Insomma, piccole follie hollywoodiane e tante risate.
Dopo le vie lunghe e qualche tiro di falesia al Remenno, anche le esercitazioni di manovre su roccia: sosta base e calata in corda doppia (che poi è anche il nome di un celeberrifamosissimoblog :P).
E alla fine, da buoni arrampicatori a cui vengono insegnate tutte ma proprio tutte le regole del gioco, una più che meritata birra in compagnia.

Ta’

 

 

 

 

Source: New feed

Condividi