Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.cordadoppia.com/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5763

Difficoltà: PD+   Materiali: sci, corda, piccozza, ramponi    Partenza: Cervinia (impianti fino al rif. Guide del cervino)    Punto d’appoggio: Rif. Guide Val d’Ayas

Giorno 1:

Prendendo la funivia da Breuil/Cervinia (2.000m) fino al terzo troncone (che porta fino a Testa Grigia e al rif. Guide del Cervino, 3.480 m), è possibile partire nel primo pomeriggio, arrivare entro sera al rifugio Guide Val d’Ayas (sono gentilissimi e fanno due turni-cena, iniziando il secondo verso le ore 20!) e salire l’indomani. Arrivati in cima agli impianti, mettere le pelli e risalire a lato delle piste fino al Colle del Breithorn. Da qui inizia un lungo traverso ricco di saliscendi sul ghiacciaio del Verra, che passa sotto al Roccia Nera e al Polluce. Una volta arrivati al Polluce (la traccia passa a 100/200 metri dall’attacco alla parete), si continua fino a trovarsi di fronte la larga parete del Castore. A questo punto prendere il bivio direzione SW in discesa fino a rifugio Guide Val d’Ayas (3.394m).

Giorno 2:

Dal rifugio (partenza consigliata tra le ore 6 e le 6,30) salire in direzione NE (da dove siete scesi il giorno prima!) fino al passo di Verra, fino a quando la traccia conduce, sulla vostra destra, verso la parete ovest del Castore. In genere, a seconda degli anni, si sale a zig zag sfruttando i punti deboli della parete. Se l’innevamento è sufficiente, è possibile salire sci ai piedi fino alla crepacciata terminale, poco sotto la vetta (4200m). La crepacciata è estesa e sempre più o meno aperta, a seconda del periodo dell’anno e dell’innevamento. In questi giorni (25 aprile 2019) non è ancora troppo ampia e aggirabile tramite ponte di neve sulla sinistra. Salendo il pendio di fa sempre più ripido fino a raggiungere, nel tratto in cui si supera la crepacciata, i 45 gradi circa. Procedere con attenzione sulla breve ma pur sempre affilata cresta fino a la vetta.

 

Condividi