Da Milano alla Valmalenco in treno… con gli sci

Testo: Tatiana Bertera Manzoni — Foto: Paolo Lavizzari

Se non vi siete mai presentati in stazione in tuta da sci, cappellino in lana, maschera calcata sulla nuca e sci poggiati sulla spalla “modello Cortina”, questa potrebbe essere la volta buona. Ero proprio curiosa di provare l’esperienza di raggiungere gli impianti sciistici utilizzando i mezzi pubblici, lasciando a casa l’auto e non dovendo preoccuparmi del famigerato traffico del rientro. L’ho fatto e penso che la prossima volta sceglierò nuovamente questa formula, che si è dimostrata davvero comoda e vantaggiosa. Abituata a spostarmi con la mia auto, quindi indipendente, temevo che il fatto di dovermi adeguare a degli orari non dipendenti da me potesse infastidirmi, ma anzi l’ho trovata un’esperienza rilassante oltre che divertente.  Ho scoperto che il servizio “Treni della neve” di Trenord non solo funziona molto bene, ma viaggia su convogli bellissimi e super puliti. Con tanto spazio per riporre gli sci e la borsa con gli scarponi. Il tutto in collaborazione con il consorzio turistico locale (di Sondrio e della Valmalenco) che ha organizzato un servizio privato di navetta che porta gli sciatori dalla stazione di Sondrio fino alla partenza della funivia. Una meraviglia per chi, stanco del traffico e del caos settimanale, vuole lasciare l’auto a casa almeno la domenica. Così come per gli studenti.

Siamo in tre: Laura, Rocco e la sottoscritta. E alle 7 di domenica mattina ci aggiriamo in una Stazione Centrale già affollata di gente che trascina valigie, trolley e borsoni. Ma noi siamo diversi e, al posto della valigia, abbiamo la sacca con gli scarponi e gli sci portati con “nonchalance” sulla spalla destra. La gente ci osserva con una certa curiosità. “Ma state andando a sciare?”. “Ebbene sì, stiamo proprio andando sulle piste e il treno parte alle 7.20”. Cappuccio e brioches, al volo, e siamo pronti a partire. Il convoglio parte puntualissimo e, una volta riposti sci e scarponi, non ci resta che goderci il viaggio fino a Sondrio scherzando e chiacchierando. Durante il viaggio scopriamo di non essere gli unici: durante il tragitto salgono anche altre persone con la loro attrezzatura e cominciamo a non sentirci più tanto soli.

Siamo diretti a Sondrio, dove ad aspettarci c’è la navetta che riconosciamo immediatamente, parcheggiata fuori dall’ufficio del Consorzio Turistico di Sondrio e della Valmalenco (adiacente alla stazione), dove ci vengono consegnati gli skipass. Carichiamo sci, scarponi e chiacchierando con l’autista in un quarto d’ora siamo alla partenza della funivia di Chiesa. Lasciamo le scarpe e gli effetti personali nel locale-spogliatoio messo a disposizione dal Consorzio e saliamo sulla “Snow Eagle”, la seconda funivia più grande del mondo. Con la sua cabina da 120 persone raggiunge in un balzo quota 2.080 metri, su un terrazzo da cui, con una vista mozzafiato, si dominano le Alpi. Prende il via la nostra giornata sulla neve. Tra salite, discese e un pranzo golosissimo al rifugio Malga Rundai, dove una fascinosa signora dai capelli argento e gli occhi azzurri ci consiglia i migliori prodotti della Valmalenco.

La giornata corre veloce e (purtroppo) volge al termine. Alle 17.40 Siamo di nuovo in stazione a Sondrio, pronti a riprendere il treno per Milano. La navetta, che ci aspettava laddove ci ha lasciati la mattina, è puntuale. Durante il viaggio di ritorno, comodamente seduti sulle poltroncine, riguardiamo le foto scattate durante la giornata… Qualcuno riesce addirittura a schiacciare un pisolino!

Muoversi con i mezzi pubblici è una pratica buona, sana per noi e per l’ambiente. All’estero, in Svizzera ad esempio, ragazzi e adulti utilizzano abitualmente i mezzi pubblici anche durante il fine settimana, per recarsi nelle località di villeggiatura o a sciare. L’iniziativa di Trenord, che permette di raggiungere in treno i maggiori comprensori sciistici lombardi, è lodevole e da tenere in considerazione. Provare per credere!

L’iniziativa

Trenord ripropone anche quest’anno, per le località di Aprica, Valmalenco, Montecampione e Pontedilegno – Tonale, l’iniziativa “Treni della Neve”, che porta gli sciatori sulle più belle ski area lombarde a costi ridotti, senza lo stress di dover mettersi al volante e con una significativa riduzione delle emissioni di CO2.

Le offerte di Trenord (dal 7 dicembre 2019 fino al 13 aprile 2020) comprendono il biglietto di andata e ritorno da tutta la Lombardia fino alla stazione più vicina alla ski area, il servizio di navetta che copre l’ultimo tratto dalla stazione alla pista da sci e un voucher valido per lo skipass. I pacchetti valgono per una, due o tre giornate e sono acquistabili sul sito www.trenord.it o sull’app dedicata disponibile su App Store e Google Play. Il risparmio è notevole. Nell’offerta sono compresi anche sconti sul noleggio attrezzatura e in alcuni hotel aderenti all’iniziativa.

Info: QUI

Condividi