Sono diventati un pezzo irrinunciabile del mio guardaroba durante la stagione più fredda! Me ne ero innamorata circa un mese e mezzo fa e avrei fatto carte false per farli entrare nel mio “armadio delle scarpe”. Sì, perchè nonostante la montagna no stop e ultimamente anche le riprese outdoor, durante le quali ho indossato i panni di una vera e propria action-actress, sono pur sempre una donna. E come tale faccio decisamente attenzione alle caratteristiche estetiche e al design del prodotto che indosso. Questo già da diverso tempo. Forse fin da quando, da bambina, ho iniziato a mettere in crisi la mamma con la scelta dei miei vestiti. Da qualche anno invece (si sa, la maturità porta consiglio!) sono felice anche di poter indossare capi rispettosi (o il meno impattanti possibile) nei confronti dell’ambiente. E mi accorgo, con piacere, che questo aspetto sta diventando una priorità anche per chi produce. Insomma, è per questi motivi (e non solo!), che quando ho visto gli stivali Pulja Lady di Hanwag me ne sono innamorata.

Lo storico brand, nato nel 1921 a Vierkirchen in Baviera per opera del fondatore Hans Wagner e specializzato nella produzione di calzature da alpinismo e trekking di qualità, utilizza per questa calzatura la sua nuova membrana Eco-Shell Footwear, totalmente priva di fluorocarburi e utilizzata all’interno dei modelli della collezione Active Winter 2018/19, di cui Pulja lady fa parte. Il fatto che sia un brand che nasce con una produzione altamente improntata alla tecnicità e alla performance della calzatura di alta montagna, la dice lunga sulle caratteristiche del prodotto. Che difatti non è solo esteticamente accattivante, ma morbido, caldissimo grazie alla super imbottitura interna prodotta con poliestere riciclato 100%, dalla calzata comoda. 

Realizzato in pelle nabuk e materia tessile, prodotto interamente in Europa, ha una comoda cerniera laterale che permette di indossarlo e chiuderlo senza fatica. La suola in gomma Michelin V-Rough e la tassellatura aggressiva (sì, proprio quella delle macchine!!!) fanno sì che abbia una buona presa su qualsiasi tipo di terreno, anche in caso di neve o fango. Inoltre, particolare non indifferente e altro aspetto Eco che mi piace sottolineare, può essere risuolato perché costruito con la tecnica del montaggio incollato.

Insomma, bello e funzionale allo stesso tempo. E voi, girls, che ne dite?

Condividi