SALOMON SENSE 4 PRO, LEGGEREZZA E PRECISIONE

Continua il mio viaggio nel mondo Salomon. Dopo aver provato un modello dedicato alla strada (vedi LINK), con il quale mi sono trovata molto bene, passiamo ora alla specialità che preferisco: il trail. 

In montagna si corre, soprattutto nei tratti piani e in discesa, e poi si cammina. E si cammina moltissimo, anche perché se non sei un top runner (come me!), i sentieri in pendenza sono difficilmente superabili correndo nella loro interezza. In montagna si fatica per ore e ore: non  stiamo parlano dei 10.000 metri, di una mezza o di una maratona (senza nulla togliere alla maratona!), ma se su strada la media dell’attività va dalla mezz’ora alle 4 ore, in montagna la musica cambia. In montagna parti con il sole e arrivi (non sempre, fortunatamente!) con la pioggia, oppure finisci con i piedi all’ammollo attraversando ruscelli o pozze d’acqua. In montagna il terreno è mutevole, il semplice sterrato si alterna alle salite (e discese) rocciose, ricche di risalti o con terreno sconnesso. 

Per tutti queste ragioni una buona scarpa da trail deve garantire stabilità, ammortizzazione, traspirazione, protezione e leggerezza

Il modello Sense 4 Pro è una scarpa che perfettamente si adatta anche alle esigenze del professionista: buona stabilità, anche sulle pietraie e nei tratti abbastanza tecnici, ha un grip eccellente (monta suola Contagrip) anche su terreno bagnato e una tassellatura marcata, adatta anche a terreni moderatamente fangosi (ottima nei tratti di sentiero, quando ha appena piovuto e il terreno si fa più morbido sotto la suola, a tratti scivoloso). Una ulteriore garanzia di stabilità è la fodera interna EndoFit che avvolge il piede (anche i piedi più magri) e lo tiene fermo senza costringerlo, proprio come una  calza.

 

La tecnologia Optivipe (caratterizzata da un mix di shiume: una per ammortizzare, l’altra per dare propulsione) assorbe le vibrazioni nella fase di rullata, diminuendo l’affaticamento muscolare senza interferire con la falcata. 

 

La chiusura Quick-lace garantisce un’allacciatura rapida, a mani libere, con una sola mano o anche con guanti indossati, e la tasca porta-stringhe è comoda, anche se un po’ piccola (fosse stata un po’ più spaziosa non avrebbe guastato).   

 

Leggera e traspirante, asciuga rapidamente e non trattiene l’acqua all’interno. Protezione buona in punta, un po’ meno strutturata nel resto della parte anteriore (sui lati). 

Condividi